Image and video hosting by TinyPic
Home > Editoriale Arcireport

 

 



Il 2 maggio a Roma per dire #NoBavaglioTurco

 

 

 di Elisa Marincola, portavoce di Articolo 21

 

Alla vigilia della Giornata mondiale della libertà di stampa, saremo in piazza  Montecitorio con Fnsi, UsigRai, Amnesty International Italia, Arci, Odg Lazio, Pressing NoBavaglio e tante altre organizzazioni, e con il sostegno delle Federazioni europea ed internazionale dei giornalisti, per chiedere la liberazione degli oltre 170 giornalisti detenuti e la possibilità per il centinaio di reporter fuggiti all’estero di rientrare in patria senza finire agli arresti.


La liberazione di Gabriele Del Grande non ci deve far dimenticare cosa accade in Turchia - oggi il più grande carcere contro la libertà di espressione - che non dà alcuna garanzia democratica per i diritti di detenuti e imputati. La Turchia è un paese strategico: non solo si è candidata a entrare nell’Unione Europea, ma in questa fase è di fatto la frontiera del continente, finanziata dall’Europa per fermare i profughi; è impossibile verificare cosa accade lungo quel confine e nei centri di detenzione pagati da tutti noi, per i media turchi e stranieri. Come ha dimostrato l’arresto di Del Grande, che lavorava a un libro sulla guerra in Siria, Ankara è ostile anche verso gli inviati stranieri e nelle sue carceri detiene da oltre due mesi il turco-tedesco Deniz Yücel, corrispondente per Die Welt, e tanti sono i reporter espulsi o respinti alla frontiera. Quello che accade in quella parte di mondo, però, è sintomo di una situazione di generale deteriorarsi dell’informazione a livello globale, come ha ricostruito l’ultimo dossier di Reporters sans Frontieres.  


prima_ar_14.jpg

Anche Usa e Regno Unito hanno perso posizioni a causa dell’inasprirsi degli attacchi contro la stampa arrivati dal presidente Trump e, a Londra, durante la campagna per la Brexit. L’Europa, pur rimanendo l’area del mondo con l’indice più alto di libertà d’informazione, dal 2013 ad oggi ha perso complessivamente il 17% del punteggio. L’Italia, rispetto a un anno fa, ha recuperato 25 posizioni, piazzandosi al 52° posto grazie all’assoluzione dei due giornalisti che avevano scritto sul Vatileaks, Fittipaldi e Nuzzi, ma il rapporto non parla dell’aggravarsi delle pressioni e del peggioramento delle condizioni economiche della categoria, formata oggi per la stragrande maggioranza da ‘freelance’, pagati pochi euro al pezzo.

 

RSF rileva poi un peggioramento dei comportamenti della politica nei confronti dei media, conseguenza dell’affermarsi del mito dell’uomo forte solo al comando, che mal sopporta l’azione di controllo dell’informazione. Preoccupa l’indifferenza dei governi europei per le sistematiche violazioni di diritti attuate da paesi considerati alleati,  come l’Egitto, al 161° posto della classifica di RSF, dove un anno fa veniva torturato e ucciso Giulio Regeni. O paesi con cui l’Italia ha relazioni più che amichevoli,  regimi in cui i cronisti non rischiano solo il carcere. La mobilitazione per la libertà di espressione in Turchia è, quindi, un momento della più ampia mobilitazione che insieme, giornalisti e cittadini, dobbiamo costruire e allargare per riaffermare lo stato di diritto di cui l’informazione è pilastro centrale.

 

Per questo il 2 Maggio alle 11.30 ci troveremo in piazza Montecitorio, a Roma. Durante il sit-in, verranno letti i nomi dei giornalisti detenuti nelle carceri turche, accompagnati dalla musica di un eccezionale testimonial, il musicista Nicola Alesini. Per ribadire ancora una volta: #NoBavaglioTurco.


ArciReport numero 14, 28 aprile 2017


Arcireport numero 14_2017

 
Per leggere tutti gli Arcireport clicca qui
image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss