Image and video hosting by TinyPic

Vince Trump, il sonno della ragione genera mostri

09/11/2016




Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci 

Il sonno della ragione genera mostri. E infatti Donald Trump ha vinto. Lo ha fatto in nome di posizioni apertamente xenofobe e razziste, violentemente reazionarie e volgarmente misogine. Un ricco miliardario è riuscito ad apparire come personaggio antisistema e riceve un’investitura grazie al sostegno di chi soffre. Non era prevedibile e infatti non è stato previsto. A dimostrazione che i sondaggi, e le forze politiche che vi si affidano,  non riescono più a percepire quanto si muove nel profondo di una popolazione.

 Gli otto anni di Obama non sono serviti a consolidare l’elettorato democratico da un lato, né a ripetere il miracolo di una partecipazione massiccia dei giovani e della popolazione ispanica e afroasiatica dall’altro. Malgrado gli sforzi dell’ormai ex presidente, costellati anche da evidenti errori in politica estera e sul versante interno, la società americana si presenta più divisa di prima. Le disuguaglianze sociali sono cresciute e così l’opposizione, spesso diventata rancore, contro le elite finanziarie e i loro difensori politici, tra cui Hillary è stata annoverata.

Questa è stata la molla del voto che ha trovato sbocco solo a destra e ha reso reale ciò che in molti si affannavano a definire imprevedibile. Il successo di Bernie Sanders nella fase delle primarie aveva bene indicato quali erano i temi che mobilitavano la popolazione americana. Ma la sua lezione non è stata raccolta dall’establishment democratico, né, in queste condizioni, poteva bastare il suo impegno a favore della Clinton in campagna elettorale, che non tutti i suoi sostenitori hanno condiviso.

Così negli Usa ha vinto la peggiore destra.

Il plauso a Trump di Martine Le Pen e di Nick Farage chiarisce quello che ci aspetta in Europa, dove continuerà la logica dell’accentramento dei poteri sulla governance europea e sui governi nazionali che porta alla drastica limitazione della democrazia.

Trump cercherà di mettere in pratica le sue idee contro i migranti e accentuerà tutti gli elementi di imbarbarimento della vita civile, proponendosi come un modello mondiale. Il referendum in Nebraska - dove Trump ha ottenuto un’ampia maggioranza - che in queste ore ripristina la pena di morte è un elemento emblematico in questo quadro.

Più che mai avremmo bisogno di un’Europa e di un’Italia capaci di rispondere al vento di una nuova barbarie che ci può travolgere sul piano delle politiche di pace nel Mediterraneo e nel mondo, dell’accoglimento e dell’integrazione dei migranti, della difesa dell’ambiente naturale, dell’elevamento della cultura e della convivenza civile.

 Noi continueremo a batterci perché la crisi e le insicurezze trovino risposta con robuste politiche sociali in grado di contrastare le disuguaglianze che austerità e liberismo sfrenato hanno generato in questi decenni,  con la consapevolezza più forte di prima che il sonno della ragione genera mostri.

 

Roma, 9 novembre 2016



Tags :

Posted by stefano giove on
Cara Francesca, tu citi i nomi di Le Pen e Farage quali grandi estimatori di Trump e non ti poni il problema di essere, insieme ad alcuni di loro, a sostenere la battaglia per il no al referendum costituzionale. Credo che dovresti riflettere su questa vostra posizione e sul fatto che tanti compagni come me (e il circolo), stanno decidendo seriamente di abbandonare l'Arci. !!!!
Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss