Nel silenzio assordante della comunità internazionale, l’esercito turco conquista Afrin dopo aver provocato migliaia di morti e a Ghouta continua il drammatico assedio delle truppe del presidente siriano

19/03/2018




Ieri mattina le truppe dell'esercito turco - insieme con le Free Syrian Army (FSA) e le milizie alleate di al-Nusra e al-Qaida - hanno vinto la resistenza delle Unità di Difesa del Popolo (YPG) curdo di Afrin e sono entrate nella parte sud-est della città, con grande soddisfazione di Erdogan che ha annunciato ai media l'esito vittorioso della missione "Ramoscello d'Ulivo", lanciata il 20 gennaio scorso.

Qualche centinaio di chilometri più a sud, nella Ghouta - periferia di Damasco - il presidente siriano Bashar al-Assad sovraintende personalmente le operazioni militari sul campo per la stretta finale del cappio intorno ai cosiddetti ribelli, che da mesi sono asserragliati senza cibo, acqua ed elettricità.

In entrambi gli scenari si continua comunque a combattere strenuamente per la propria vita e la libertà del proprio popolo, in una partita che non solo è impari per le forze in campo ma non ha neanche un arbitro.

La comunità internazionale, l'Unione Europea, le Nazioni Unite, si sono voltate dall'altra parte, hanno sancito la propria inutilità di fronte al massacro di civili inermi, donne e bambini, così come negli anni '90 durante il conflitto balcanico.

Una macchia di sangue indelebile per l'Europa dei Popoli; un esito scontato per l'Europa del neoliberismo e delle banche, ben attenta a non disturbare il potente sanguinario che domani potrebbe diventare un buon partner economico.

Se l'Europa vuole superare la vergogna della propria inazione deve farlo subito, con autorevolezza e risolutezza, per evitare tanto di avere sulla coscienza il genocidio che si sta perpetrando quanto il proprio fallimento politico. Nel mentre - infatti - le destre nazionaliste e i movimenti euroscettici ringraziano: alla prossima occasione utile faranno il pieno dei consensi.

#ShameOnYouEurope!

#StopCiviliansMassacre

 

Roma, 19 marzo 2018



Tags :

Posted by clouds on
Questa è una vera esperienza di vita con Doctor Covenant che mi ha aiutato a salvare il mio matrimonio facendo un periodo di gravidanza per me. Il mio nome è Jenny Cloud e io di Somalia, ma attualmente vivo a Manchester. io e mio marito siamo sposati da oltre 6 anni. Non abbiamo avuto figli. Mio marito non era contento di questo perché abbiamo cercato per molti anni di avere un figlio che pensavamo di adottare, ma l'idea non era la migliore per noi. mio marito ha anche parlato di divorzio !! Avevo paura di perdere mio marito.3 mesi dopo che mio marito aveva iniziato a parlare di divorzio, ho visto un post su Facebook che parlava di un incantesimo su come aiutasse le persone da vari problemi e il suo nome era Dr Covenant. Gli ho mandato una mail tramite il suo indirizzo email covenantsolutiontemple@gmail.com, gli ho spiegato tutto e lui mi ha detto di non preoccuparmi. Ero eccitato, mi ha confortato con le sue parole, mi ha detto che faremo un incantesimo di gravidanza, ho avuto paura ma non ho avuto scelta. mi ha detto cosa fare e l'ho fatto. in realtà ha fatto l'incantesimo di gravidanza, mi ha dato la certezza che sarei rimasta incinta in 2 giorni, pensavo stesse scherzando. questo è l'undicesimo mese dopo aver incontrato il dott. Covenant, ora ho un gruppo di gemelli, un maschio e una femmina. Dio ti benedica, patto dell'alleanza, grazie per quello che hai fatto per me, per favore contatta e incontra il dottor covenant se stai attraversando una qualsiasi difficoltà nella vita come quella che stavo passando per contattare covenantsolutiontemple@gmail.com o chiamarlo o aggiungerlo su watsapp su +2349057353987. ci sono ancora delle persone reali che aiutano le persone. covenantsolutiontemple@gmail.com è uno di questi. Aiuta anche a vincere alla lotteria, se vuoi vincere anche la lotteria contattalo
Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss